ELISE si avvale di sensori in grado di misurare alcuni parametri di qualità dell’aria indoor in modalità statica e di sensori trasportabili a livello individuale per il rilievo dinamico. I sensori sono realizzati secondo un’ottica low-cost e ad alta efficienza energetica. La raccolta dei dati si esplica tramite due modalità: la prima prevede l’utilizzo di sensori statici che trasmettono informazioni sul livello di comfort indoor. La seconda modalità implica un monitoraggio diffuso da parte di utenti che utilizzano il sensore nomadico in abbinamento ad uno smartphone per l’arricchimento (data e ora, tipologia di movimento, geolocalizzazione) e trasmissione dei dati verso un server centrale per l’elaborazione dei dati.
Il sistema prevede una app mobile di esposizione dei parametri rilevati della qualità dell’aria: l’utente può verificare in tempo reale i valori ambientali su scala qualitativa del proprio percorso e tramite una funzionalità “diario” effettuare confronti sullo storico dei valori rilevati negli itinerari effettuati.
Le misure raccolte vengono aggregate con un’opportuna granularità spaziale per alimentare il modello matematico di simulazione della diffusione degli inquinanti. Il modello computazionale incorpora, inoltre, le emissioni ascrivibili al traffico veicolare, i dati meteorologici e i dati spaziali relativi alla cartografia 3D del contesto in studio.
La soluzione include una piattaforma di supporto alle decisioni che espone il livello di inquinanti, tramite dashboard prestabilite e personalizzabili e corredate di mappe. Consente la visualizzazione di serie storiche e statistiche confrontabili sotto aree urbane a microscala e periodi temporali diversi, abilitando per la fruizione di scenari “What-if”.
ELISE pone i cittadini al centro del sistema, sia con un coinvolgimento nella fase di acquisizione sia come destinatari della restituzione di conoscenza e coadiuva i decisori nelle scelte strategiche attraverso una dashboard di supporto.