News

90 progetti per 180 milioni di euro è il patrimonio di idee e soluzioni innovative proposte nel convegno annuale del Cluster SmartCommunitiesTech

90 progetti per 180 milioni di euro è il patrimonio di idee e soluzioni innovative che il Cluster SmartCommunitiesTech, riunito per la Conferenza annuale in Vaticano, ha consegnato al MIUR insieme al Piano di diffusione dei Living LAB e allo Studio sui modelli di business per le Comunità Intelligenti. 

Il Convegno, coordinato da Torino Wireless con il supporto della Regione Lazio tramite Lazio Innova, ha affrontato tematiche sfidanti intorno al tema della sostenibilità delle Comunità intelligenti: dal come si misura l’intelligenza di una città, alla possibilità di utilizzare le tecnologie per aumentare la qualità della vita e rispondere ai bisogni sociali; da come rendere sostenibile economicamente l’applicazione delle innovazioni per le Città, a come attivare cittadini e imprese grazie a “living lab” – dimostratori tecnologici inseriti nel contesto urbano - e laboratori permanenti.

 

Più intelligenza vera, tecnica e sociale, unita a una attenzione maggiore alla cura delle nostre città - bene e casa comune – e al coinvolgimento reale delle persone secondo i loro bisogni, è il messaggio condiviso oggi dagli oltre 250 partecipanti che da tutta Italia hanno preso parte al Convegno annuale del Cluster Nazionale SmartCommunitiesTech dal titolo “Costruiamo comunità intelligenti e sostenibili. Progetti e prospettive a confronto”, presso il Centro Congressi dell'Istituto Patristico Agostiniano dell’Università Pontificia Lateranense della Città del Vaticano.

Il dibattito sul Cluster SmartCommunitiesTech si è articolato in tre panel.

Il primo, dal titolo Il paradosso delle Smart City: perché ancora utilizziamo solo una piccola parte del potenziale delle tecnologie” è stato moderato da Francesco Grillo della Oxford University con gli interventi di Fabio Florio di Cisco e Stefano Pizzuti di Enea.

Il secondo panel “Smart Communities Lab: il format di diffusione dei living lab per testare soluzioni e coinvolgere i cittadini”, moderato dall’Assessora a “Roma semplice” Flavia Marzano, con gli interventi di Antonella Galdi dell’Anci e Donatella Mosso del Cluster SmartCommunitiesTech, Elena De Ambrogio della Città di Torino, Lucia Mazzoni della Regione Emilia Romagna e Stefano Paggetti della Regione Umbria.

Il terzo panel Modelli di business sostenibili: un approccio indispensabile per il futuro delle Comunità”, moderato da Laura Morgagni, con Mario Calderini, Politecnico di Milano, e Barbara Pralio del Cluster SmartCommunitiesTech.

Ha concluso i lavori del Cluster SmartCommunitiesTech Oscar Pasquali del MIUR che ha sottolineato come “i Cluster Nazionali siano l’elemento di sintesi e di coordinamento della ricerca industriale in Italia e possano attirare risorse a livello locale, nazionale e internazionale. Il Cluster SmartCommunitiesTech, in particolare, è impegnato su temi di grande impatto non solo per gli attori industriali coinvolti, ma anche per le città e per la popolazione e nell’Assemblea di oggi ha fornito un chiaro esempio di come le progettualità possono essere accompagnate dall’idea al mercato, per portare l’innovazione vicina ai cittadini”.

Scarica il comunicato stampa del convegno Cluster SmartCommunitiesTech e il saluto di Valeria Fedeli, ministra dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca.

Entra in contatto

Richiedi maggiori informazioni

*Campi Obbligatori
SmartCommunitiesTech
gestito dall'Associazione Cluster Tecnologico Nazionale
sulle Tecnologie per le Smart Communities
Sede Operativa
Fondazione Torino Wireless
Via Vincenzo Vela 3, Torino, Italy

Iscriviti alla newsletter

Coordinamento